Vedi il carrello “La coa dël gat pitòis (La coda del gatto selvatico)” è stato aggiunto al tuo carrello.
SKMBT_C224 14060311261_0001
SKMBT_C224 14060311261_0001SKMBT_C224 14060311270_0001

€ 22,00 IVA inclusa

Tra ‘l rèis dël bussolin

Il volume si divide in due parti. La prima raccoglie racconti in lingua piemontese con testo a fronte in italiano, corredata con disegni originali. La seconda parte raccoglie poesie in piemontese con testo a fronte in italiano, corredata con disegni originali. È il secondo volume di una collana (il primo è “La coa dël gat pitòis”), in cui l’autore esplora il passato del Piemonte attraverso i racconti del mondo contadino che, attraverso essi, trasmetteva non solo le proprie paure, ma anche il gusto del fantastico e del meraviglioso. 

Descrizione prodotto

Tra le radici del biancospino. Seconda raccolta di racconti antichi, di streghe, di masche, di fate e di storie arcane del Piemonte

Leave a Reply

*

dettagli

  • ISBN : 9788887780444

Sull'autore

Author

Nasce a Racconigi (Cn) il 1° Aprile 1943. Dopo la scuola media inizia gli studi da geometra presso l'istituto Baruffi di Mondovì ed qui risiede prima nel convitto Civico e poi in quello Vescovile, di Mondovì Piazza. Nel 1959, dopo la morte del padre, incomincia ad interessarsi alla poesia, in particolare a quella in lingua piemontese e si rivolge, per un aiuto e per avere un maestro, al professore Neto Billò che in quei tempi era docente all'istituto Magistrale della città. Non tardano a giungere consensi e premi alla sua attività poetica, tanto che, nel 1961, consegue il 2° premio al concorso indetto dal giornale studentesco del luogo, e nel 1962 viene segnalato e premiato al concorso "Nino Costa" di Torino e quindi inserito nell'antologia "El Bochèt" insieme alle migliori composizioni di gara. Da allora i premi sono innumerevoli, tanto che solo come primo classificato ne risultano oltre settanta, senza tener conto dei secondi, terzi, dei premi speciali e delle segnalazioni. L'intera produzione di Tavella consiste ormai in oltre ottomila poesie ed oltre un centinaio di prose, composte nell'arco di oltre cinquant'anni di attività quasi ininterrotta e sempre appassionata. Le sue ultime pubblicazioni: "La coa del gat pitois" (2011), "Cajorata"(2014), "Tra 'l reis del biancospin"(2014).

Franco Luigi Carena

Franco Luigi Carena, autore di numerosi libri, ma soprattutto pittore e scultore surrealista simbolico, è nato a Ruffia nel 1956 ma da tempo risiede ed opera nella città di Cavallermaggiore (CN). I suoi primi interessi e studi personali sono indirizzati all’arte figurativa e scultorea e negli anni ‘70 sono iniziate le mostre della sua ricca produzione. Oggi Carena alterna la sua attività di pittore e scultore per la quale possiede doti eccellenti, per orientarsi verso la pubblicazione di numerosi libri riguardanti temi etici e sociali, ma anche poesie che esprimono i sentimenti più profondi dell’animo umano quali la solitudine, l’amore, l’amicizia, la ricerca del significato della vita e del fine ultimo dell’uomo.