copertina

Giorgio Ceragioli, Finestre aperte finestre chiuse – convivere con il morbo di Parkinson

€ 14,50 IVA inclusa

COD: ISBN 978-88-87780-68-0 Categorie: , Etichette: , ,

Descrizione prodotto

Convivere con il morbo di Parkinson

Perchè e come vede la luce questo “diario della malattia”

dalla nota introduttiva di Massimo Foti
Circa due anni fa, Rosaria, la moglie di Giorgio, mi aveva parlato di un diario scritto da lui durante la malattia. Di esso vi era solo una cattiva stampa dal computer. Ma né Rosaria, né i suoi figli erano prima riusciti a farne una lettura. Perché?
Penso che i motivi fossero parecchi. Questi fogli non avevano alcun ordine, spesso tanti brani nella stampa erano ripetuti e poi i fogli erano di diverse lunghezze, stampati con una stampante a rullo di carta, come si usava una volta, e tagliati fra di loro a caso
Ho detto a Rosaria: voglio provare a vedere se ne posso cavare qualcosa; ti darò una risposta fra qualche mese. La mia risposta fu affermativa, sarei andato avanti, anche se non sapevo bene come si potesse dare un ordine. Avevo capito però che mi trovavo di fronte ad uno scritto di notevole valore umano.
Procedendo, ho maturato due convinzioni. La prima, che si trattava di uno scritto di Giorgio, diverso dagli altri già pubblicati in precedenti volumi. Qui Giorgio è rivolto soprattutto ad indagare sé stesso; la sincerità è totale; sembra poi che, arrivato nel pieno della sua malattia, egli voglia anche chiedere scusa agli altri se si è presentato in un modo più esemplare rispetto a quello che era nella realtà; e così, oltre alla sua malattia, egli prova a descrivere i suoi problemi, le sue mancanze, le sue difficoltà. Guarda a sé stesso, ma nello stesso tempo pensa agli altri che potranno leggerlo. Era da escludere la possibilità che si trattasse di un diario personale scritto, come tanti diari, solo per sé.
Anche perché, e così matura la seconda convinzione, egli certamente pensava che stava scrivendo per aiutare altri a conoscere meglio la malattia e a combatterla: quelli che si trovano nella sua stessa condizione, coloro che si occupano del problema o che vogliono seguire gli ammalati, i familiari, gli operatori sanitari, i volontari.
Il diario era pensato, cioè, per essere pubblicato. Infatti, all’inizio si può leggere il suggerimento di Nuccia, che egli seguirà, di scrivere il libro, anche perché “potrebbe aiutare qualcuno ad affrontare il morbo di Parkinson nel modo più sereno possibile”; in altri brani, ripete più volte l’idea della pubblicazione del diario; e nelle ultime pagine Giorgio scrive: “ci sto provando e questo libro è una delle espressioni concrete di questi tentativi” e poi: “Il libro comunque finisce qui o quasi”. In pagine centrali parla di: “Bergamasco, che ormai mi ha in cura da una decina di anni e al quale ho richiesto la graditissima prefazione a questo lavoretto”.

Una bella idea

Un mattino, in auto

Un vecchio a Chieri

La prima TAC

Alle soglie dello smarrimento

La ricerca bibliografica

Malato da anni

Cos’è per me il morbo di Parkinson

Camminare è difficile, stare fermi anche

Il ballo dei dottori

Sintomi e compagni

Un’estate di speranza

 

Tanti ricordi

Muoversi, che passione

Controllare le difficoltà

La mia giornata

Dopo l’ultima pastiglia

Piccoli problemi e accorgimenti

Sulle colline

Di anno in anno

Visite e conversazioni

Il lavoro di docente

Pensione: andare o non andare?

La strategia a lezione

Il pomeriggio di fuoco

Vivere con gli altri

Impegni contro la malattia

Scrivere per capire

Ricerca fra esperienza e fede

L’imbarazzo con gli altri

Mia moglie e i miei figli

Ancora sulla malattia

Un cenno sulla mia situazione

Brevi note sui risvolti psicologici della malattia

 

Speranze

Ibridazione medica

Quale domani?

 

I nomi, le organizzazioni, i farmaci

I nomi delle persone

Le sigle e le organizzazioni

I farmaci

Ringraziamento

1 recensione per Giorgio Ceragioli, Finestre aperte finestre chiuse – convivere con il morbo di Parkinson

  1. :

    Abbiamo particolarmente apprezzato il libro dei suoi ricordi che ci ha presentato un Giorgio per molti aspetti inedito, almeno per noi, più intimo nella sua serena semplicità e fragilità di fronte alla malattia. Grazie di cuore.
    A te e ai tuoi cari un affettuosissimi abbraccio.
    Clara e Walter Cavallini

Aggiungi una recensione