In offerta!
SKMBT_C224 14071510382_0001
SKMBT_C224 14071510382_0001SKMBT_C224 14071510390_0001

Torino 1978, guida storico-artistica

€ 18,00 € 16,00 IVA inclusa

Questa guida è nata nel 1978, quindi quasi trent’anni fa. Era l’anno dell’Ostensione della Sindone, la prima dopo quella del 1933, che aveva portato a Torino migliaia di pellegrini. Proprio da questo evento è nata l’idea di una guida che presentasse Torino non tanto nei suoi aspetti “pratici” come ristoranti, alberghi, mezzi di trasporto, ma che consentisse a chi ne fosse interessato, di conoscere più nell’intimo questa città, una gran bella città.

Allora, più che oggi, Torino era conosciuta come la “città dell’auto” una città industriale fatta di stabilimenti, di una triste periferia, e nobilitata, al più, dalle sue squadre di calcio, e da un Museo Egizio secondo al mondo.

Con questa Guida di Torino, si è voluto far conoscere la città anche nei suoi aspetti forse meno conosciuti, ma non per questo meno significativi. Torino è stata per alcuni secoli capitale di uno Stato, non fra i più grandi e potenti, certo, ma non per questo meno rispettato. Della capitale ha quindi tutte le caratteristiche a partire dai Palazzi Reali per giungere ai palazzi dell’aristocrazia, di corte e non, alle chiese, alle stesse lunghe vie porticate, in una varietà di stili che va dal Barocco, di cui conserva alcuni altissimi esempi, al Liberty, altrettanto ben rappresentato.

Di tutto ciò parla questa guida.

Descrizione prodotto

Questa guida è nata nel 1978, quindi quasi trent’anni fa. Era l’anno dell’Ostensione della Sindone, la prima dopo quella del 1933, che aveva portato a Torino migliaia di pellegrini. Proprio da questo evento è nata l’idea di una guida che presentasse Torino non tanto nei suoi aspetti “pratici” come ristoranti, alberghi, mezzi di trasporto, ma che consentisse a chi ne fosse interessato, di conoscere più nell’intimo questa città, una gran bella città.

Allora, più che oggi, Torino era conosciuta come la “città dell’auto” una città industriale fatta di stabilimenti, di una triste periferia, e nobilitata, al più, dalle sue squadre di calcio, e da un Museo Egizio secondo al mondo.

Con questa Guida di Torino, si è voluto far conoscere la città anche nei suoi aspetti forse meno conosciuti, ma non per questo meno significativi. Torino è stata per alcuni secoli capitale di uno Stato, non fra i più grandi e potenti, certo, ma non per questo meno rispettato. Della capitale ha quindi tutte le caratteristiche a partire dai Palazzi Reali per giungere ai palazzi dell’aristocrazia, di corte e non, alle chiese, alle stesse lunghe vie porticate, in una varietà di stili che va dal Barocco, di cui conserva alcuni altissimi esempi, al Liberty, altrettanto ben rappresentato.

Di tutto ciò parla questa guida.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Scrivi la prima recensione per “Torino 1978, guida storico-artistica”