fronte copertina

Zia Priscilla e l’enigma degli occhi verdi

€ 13,00 IVA inclusa

COD: 65 Categoria: Etichette: , , , , , ,

Descrizione prodotto

La nuova signora del poliziesco

Zia Priscilla

e l’enigma degli occhi verdi

Un misterioso intreccio di circo­stanze e di figure ambigue

am­bientato tra Liguria, Emilia Ro­magna e Piemonte

Priscilla Rambaldi è una scrittrice dilet­tante di gialli e può contare su un gruppo di let­tori che la apprezzano e la incoraggiano a pubblicare. A tutti è nota come “zia Priscil­la”.

Lei, suo nipote Luca, il capitano Maffei, il tenente Barbero, il generale Vincenzi e il professor Cademartori si troveran­no a ge­stire una vicenda rocambole­sca, in cui il passato si confonde con il quotidiano, a se­guito del furto, ben studiato, della Pala del Cimabue dalla centrale chiesa di Santa Ma­ria dei Servi a Bologna. Il racconto è tinto dei colori del primo entroterra della costa li­gure di Levante, un territorio baciato dal sole, dove “l’argento degli ulivi si stem­pera con il verde delle altre piante”.

Chiavari e le terre dei Fieschi (Panesi e San Salvatore di Cogorno) fanno da sfondo con Bologna (e un po’ con Tori­no) a un’av­ventura che consente di scoprire chi ha uc­ciso una donna con uno stratagemma inu­suale.

Zia Priscilla, con le sue osservazioni e considerazioni, si rivela determinante per risolvere l’intera vicenda.

Carla Fiore

Zia Priscilla e l’enigma degli occhi verdi

ISBN 9788887780659, Edizioni MILLE, luglio 2017

pp. 130, prezzo di copertina: 13,00

Promozione: Prontolibri.net, Torino, tel. 011 0201766

Distribuzione: BookService, Torino, tel. 011 772 4391

Carla Fiore è nata a Mondovì, risiede a To­rino, dopo aver vissuto molti anni a Chiava­ri. Convive con due splendidi mi­ciotti “vera­mente europei”. Alle medie era sopranno­minata “Enciclopedia” per i suoi molteplici interessi che ha svilup­pato nel corso degli anni e ancora oggi continua a coltivare.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Scrivi la prima recensione per “Zia Priscilla e l’enigma degli occhi verdi”