Luca Zoccolan, Passaggi sonori – Polifonia di incontri e musica per il benessere

 10,00 IVA inclusa

96 pagine, rilegato in brossura.

Descrizione

Passaggi sonori

Polifonia di incontri e musica per il benessere

“Passaggi sonori” non è un libro organico, bensì un testo in cui siamo condotti a entrare in rapporto con mondi apparentemente lontani, ma in realtà connessi fra loro.

Il testo di Luca Zoccolan è senz’altro originale, testimonia in modo diretto il percorso biografico dell’autore, le sue competenze, le sue multiformi qualità e interessi, i suoi sogni.

La dimensione estetica, sia sul versante della fruizione che su quello dell’espressione, rappresenta un’invenzione, propria della nostra filogenesi, utile a gestire i nostri pensieri, i nostri dolori e le domande che restano senza risposta.

L’arte, il rapporto con essa, rievoca implicitamente il mondo delle cure primarie, acquisendone le funzioni, tra cui la capacità di consolarci ma altresì di farci intravedere una speranza.

Le artiterapie, tra cui rientra la musicoterapia, si prefiggono in definitiva un simile obiettivo, cercando di avvicinare i propri utenti alle potenzialità delle esperienze estetiche ed espressive.

L’ambizione è dunque mettere in connessione diversi territori o meglio avvicinarli fra loro (nella speranza di un positivo sviluppo), non vi sono pretese di integrazione o la costruzione di un modello che contenga il tutto, ma passaggi da un territorio all’altro. La cura delle persone in difficoltà, il processo artistico e la dimensione estetica che lo sottende, l’improvvisazione musicale e musicoterapica, costituiscono differenti prospettive dell’agire umano.

Coglierne le sfumature, i punti di contatto ma altresì le peculiarità ci aiuta a maturare una maggiore consapevolezza della complessità che connota i rapporti umani, le relazioni d’aiuto e il nostro potenziale creativo.

La non omogeneità del testo che compone “Passaggi sonori” , come già detto, ne rappresenta forse il pregio maggiore, siamo condotti attraverso pensieri dissimili, sta al lettore trovare continuità o fratture.

In questo viaggio, viene data dapprima la parola ad artisti e a professionisti della cura.

Emergono cosi significative riflessioni sulle qualità dell’improvvisazione musicale (Claudio Chiara, Giulio Tampalini ), sul rapporto tra corporeità e musica, sul ruolo svolto dalla ripetizione e dal tempo in musica (Paolo Cerlati), sul rapporto tra musica, emozioni e musicoterapia (Stefano Navone).

Ci siamo quasi abituati a questo regolare scorrere del percorso, quando il testo propone passaggi su strade non previste, sorprendendoci.

Compare il ricordo di un maestro (Pier Luigi Cimma), a ricordare il valore della riconoscenza.

Ci viene donata una proposta d’ascolto e di lavoro, dove le tessiture armoniche e melodiche di Luca Zoccolan costituiscono la base per il canto di Claudio Chiara, ma altresì di quanti vogliano improvvisare all’interno di questa cornice.

E alla fine del viaggio, Luca, non dimentico del suo essere un musicoterapeuta, offre alla nostra lettura alcune preziose riflessioni operative.

Gerardo Manarolo

Presidente dell’Associazione Professionale Italiana Musicoterapisti

 

 

Dall’indice

Prefazione, di Gerardo Manarolo

Passaggi

La magia del jazz, intervista a Claudio Chiara

Rullo di tamburi, intervista a Paolo Cerlati

Una chitarra che parla, intervista a Giulio Tampalini

La coscienza del musicoterapeuta, intervista a Stefano Navone

In ricordo del Maestro Pier Luigi Cimma

La bottega dell’Arte, dialogo con Cristian Zambaia

Il gusto della Musica, dialogo con Massimo Riva

Donaci un’altra luna

 

 

“Passaggi sonori”

 

Il libro introduce e accompagna l’ascolto dell’omonimo album musicale. Passaggi sonori 

reperibile nelle principali piattaforme online: Amazon music, Apple Music, Deezer, iTunes Store, Napster, Spotify, Tidal, YouTube.

 

Nota dell’autore

www.facebook/LucaZoccolan

L’album contiene sette brani e cinque basi. Nei primi sono presenti tutti gli strumenti scelti per la realizzazione dell’album (chitarre, violoncello, sax ed elementi naturali) e ne possono godere tutti, dal semplice ascoltatore desideroso di ritagliarsi nel quotidiano una pausa rigenerante ai terapisti, danzaterapeuti, educatori, operatori del benessere alla ricerca di una musica evocativa e distensiva all’insegna dell’armonia e dell’equilibrio.

Le basi, invece, omettono le parti improvvisate durante la registrazione di modo che possano essere utilizzate esclusivamente dai formatori e dai musicoterapeuti che usufruiranno così di uno strumento più neutro per potere a loro volta improvvisare o fare improvvisare. L’apertura delle composizioni si presta infatti all’inserimento di diversi strumenti spesso impiegati durante le sedute musicoterapiche come, per esempio, il bastone della pioggia, il tamburo Ocean, i metallofoni, gli idiofoni e così via.

Inoltre, in appendice, il lettore-ascoltatore potrà sfruttare i suggerimenti offerti da una piccola e breve guida all’ascolto in grado di facilitare la sua immersione tra i cromatismi sonori e i voli armonici che riecheggiano fra le note di Passaggi Sonori.

Buona musica!

Informazioni aggiuntive

Dimensioni 1 × 16 × 24 cm

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review “Luca Zoccolan, Passaggi sonori – Polifonia di incontri e musica per il benessere”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare…